Il calcio italiano è ancora competitivo in Champions League?

Non c’è da sta Allegri. Alla terza partita del girone, nel match “quasi” decisivo per il passaggio agli ottavi, le squadre migliori del campionato, Juventus e Roma perdono.  

 Sconfitte con punteggi diversi ma molti simili per l’atteggiamento visto in campo. La Roma è stata distrutta dal Bayern Monaco, per 7 a 1. La sconfitta con i bavaresi, ci può stare però non con un punteggio del genere. Invece, i bianconeri sono usciti sconfitti ad Atene contro l’Olympiacos, per 1 a 0 con rete di Kasami, ex giocatore di Palermo e Lazio. 
Entrambe in questo turno, non hanno conquistato nessun punto. Analizzando le due sconfitte, le “nostre” squadre hanno avuto un approccio sbagliato all’incontro, fallendo i primi 45’ minuti. La Roma è scesa in campo con l’entusiasmo di questo inizio di stagione. Come Narciso si è specchiata in se stessa e alla fine è stata travolta dal fiume tedesco. La squadra di Garcia non è riuscita a trasformare la pressione in energia positiva. Dopo aver preso 5 gol in 36’ minuti, c’è poco da fare. Il risultato è compresso. Positiva ma inutile la reazione della squadra nel secondo tempo.  
Anche la Juventus ha copiato la Roma, sbagliando completamente il primo tempo. I bianconeri in maglia blu, hanno sofferto le offensive dei greci, attuando una tattica rinunciataria e Buffon in più di un’occasione ha salvato il risultato. Quando una squadra si propone più volte in area avversaria, alla fine il gol lo trova, così è accaduto all’Olympiacos, segnando con Kasami. Come la Roma, anche la Juventus si sveglia nel secondo tempo. La traversa e le innumerevoli parate di Roberto negano alla Juventus un pari che alla luce dei risultati del girone, sarebbe stato ottimo. Seconda sconfitta di fila per la Juve, intanto, il ranking piange. 

Secondo voi, il calcio italiano è ancora competitivo in Champions League?   

Annunci